Una mattina al Buddha Park

di

Questo racconto parte dall’ultimo giorno di viaggio: da Vientiane allo Xieng Khuan (o Buddha Park), il parco di sculture più famoso del Laos

Succede così, di colpo. Una cosa da non crederci. Superiamo il Ponte dell’Amicizia che si protende sul Mekong verso la Thailandia, e che dalla nostro punto di vista, aggrappati alla meglio nel retro di un tuk tuk sembra poco più di un cavalcavia sulla tangenziale, poi la strada finisce all’improvviso. A una ventina di chilometri da Vientiane si trasforma in una distesa indefinita di fanghiglia e fossi, attraversata da un intrico di strettissime piste che si snodano fra micidiali buche, visibili solo al nostro autista, che tenta di dribblare le voragini e i veicoli contromano. Auto, camion, moto e altri tuk tuk cercano un fantasma di strada in questo groviera: le due carreggiate non esistono più. Su questo mezzo che vibra come un frullatore, precario anche sull’asfalto, mi trovo a contare le buche. Quante ce ne possono stare in un metro quadrato? Cinque, sei, posso assicurarlo.

Il Laos è così. Il governo tenta di dare un aspetto di modernità. Strisce d’asfalto immacolato vicino alle città più importanti, aeroporti rimessi a nuovo, aerei impeccabili e pure il traffico, che da queste parti è segno di prosperità, accolgono gli investitori cinesi e thailandesi. Ma dietro la facciata, come sui set di alcuni film western, non c’è nulla di questa efficienza, anche senza spostarsi nei villaggi immersi nella giungla. Piste di fango, templi corrosi dalla muffa, scheletri di cemento abbandonati, in attesa che il prossimo investimento cinese (l’ennesima enorme diga, una piantagione , un pezzo di foresta da disboscare) porti altri soldi.

Sul tuk tuk a Vientiane

Sul tuk tuk (foto di Patrick Colgan, 2014)

Nel traffico, uscendo da Vientiane

Nel traffico, uscendo da Vientiane (foto di Patrick Colgan, 2014)

Il braccio tatuato di un monaco, sul tuk tuk accanto al nostro, fermo al semaforo rosso (foto di Patrick Colgan, 2014)

Il braccio tatuato di un monaco, sul tuk tuk accanto al nostro, fermo al semaforo rosso (foto di Patrick Colgan, 2014)

Fra le sculture dello Xieng Khuan

Gli ultimi chilometri sembrano eterni ed è surreale arrivare al Buddha park (o Xieng Khuan), che con i suoi alti alberi e le statue che spuntano fra la vegetazione sembra un’oasi nel deserto. Si tratta di un parco di sculture creato nel 1958 per volontà di Luang Pu Bunleua Sulilat, un religioso che sognava un’unione sincretica di buddismo e induismo. Le statue sono oltre 200, in cemento annerito e in disfacimento, sembrano antichissime nonostante abbiano pochi decenni. Su alcune si intravedono i resti di laccature o colori ormai cancellati dalle stagioni, dal sole e dalle piogge, di alcune mancano dei pezzi. Ma la cosa che mi sorprende  è quanto le sculture siano vicine le une alle altre. E nonostante tutto questo affollamento di figure l’atmosfera è rilassata, da parco giochi, e bambini e ragazzi si divertono a imitare le pose di demoni e divinità, mentre una giovane coppia si ferma a pregare davanti all’enorme, famoso Buddha sdraiato lungo ben 120 metri. Ai nostri occhi il parco è incomprensibile ed enigmatico. Non riconosciamo queste figure, non ci sono spiegazioni né guide in giro a far luce sul significato dei particolari. Ma forse non c’è niente da scoprire, non era nemmeno l’intento di chi ha creato quest’opera: il senso di tutto questo, credo, è nell’intensa serenità che pervade il posto.

Buddha Park (foto di Patrick Colgan, 2014)

Buddha Park (foto di Patrick Colgan, 2014)

Buddha Park (foto di Patrick Colgan, 2014)

Buddha Park (foto di Patrick Colgan, 2014)

Buddha Park (foto di Patrick Colgan, 2014)

Il Buddha sdraiato sullo sfondo (foto di Patrick Colgan, 2014)

Buddha Park (foto di Patrick Colgan, 2014)

Buddha Park (foto di Patrick Colgan, 2014)

Buddha Park Laos (foto di Patrick Colgan, 2014)

Buddha Park – e maxi zucca sullo sfondo (foto di Patrick Colgan, 2014)

Buddha Park, dall'alto della zucca (foto di Patrick Colgan, 2014)

Buddha Park, dall’alto della zucca (foto di Patrick Colgan, 2014)

Il giro si conclude per tutti nella grande zucca che sta al margine del parco. All’interno ci sono tre livelli, stanze, statue e un intreccio di scale che portano fino a una terrazza che domina il parco. Rappresentano inferno e paradiso, il mondo ultraterreno racchiuso in una zucca. Come si fa ad angosciarsi con un’immagine simile?

Come arrivare al Buddha Park

Un tuk tuk

Un tuk tuk, qui sono più potenti di quelli che circolano in India

Il parco dista ben 25 chilometri da Vientiane, a sud lungo il Mekong, poco distante dal Ponte dell’amicizia che porta verso la Thailandia. In tuk tuk ci vogliono circa 45 minuti. Noi abbiamo pagato 200.000 kip (20 euro) per andata e ritorno con l’autista che ci ha aspettato sul posto. Il prezzo lo ha fissato il nostro premuroso albergatore (un po’ costoso, ma consigliatissimo l’Hotel Beau Rivage Mekong). Ma sicuramente si può trattare per pagare la metà o poco più. Si può arrivare anche in bus, in circa un’ora, parte dall’autostazione con regolarità. Ma una volta scesi al Ponte dell’amicizia bisogna trovare e contrattare un altro tuk tuk: decisamente poco comodo.

L’ingresso al Buddha Park costa invece 5.000 kip a persona (50 centesimo di euro) con una tassa extra di 3.000 kip per la macchina fotografica.

Gli altri post sul Laos:

  1. Vientiane, una mattina al Buddha park
  2. A Luang Prabang (una visione d’insieme e informazioni generali)
  3. La processione all’alba
  4. Navigare sul Nam Ou

Il Buddha Park (o Parco di Budda) su Wikipedia

 

Potrebbero interessarti

15 Commenti

manuelavitulli Novembre 9, 2014 - 5:51 pm

Sono felice di scoprire con te questa parte di sud est asiatico che ancora conosco ben poco.. Questo parco ad esempio non l’avevo mai sentito nominare!
Ne approfitto per dirti che per stavolta ha vinto il sud-est asiatico (con itinerario da Bangkok ancora da definire) e fino al mio viaggio avrò tempo per leggere i tuoi post e lasciarmi incantare dal Laos 🙂
Un abbraccio, Manu

Reply
patrick Novembre 10, 2014 - 6:46 pm

Eh lo so, il sud est asiatico fa questo effetto. Ma in estremo oriente dovrai andare prima o poi, sappilo. E’ come un cerchio che si chiude.

Io poi ho ritrovato tantissima Tokyo, ma proprio tanta, a Bangkok, che ha più traffico (molto, molto di più), e un po’ più di calore umano (definizione un po’ sintetica, con l’accetta, mi rendo conto).

Reply
Claudia Moreschi (@Clamore79) Novembre 10, 2014 - 12:14 pm

Quindi vale comunque la pena visitarlo.. sono curiosissima di vederlo!

Reply
patrick Novembre 10, 2014 - 12:19 pm

Ah sicuro! Mai detto il contrario. E’ un po’ lontano e davvero strano… però è proprio l’atmosfera unica che lo rende speciale.

Reply
promau Novembre 16, 2014 - 5:04 am

Bellissime foto

Reply
patrick Gennaio 2, 2015 - 11:24 am

Grazie!

Reply
clamore1979 Gennaio 2, 2015 - 10:11 am

Eccomi, visitato questa mattina! Una correzione: ci si può arrivare tranquillamente con il bus dalla stazione di Talat Sao e al Ponte dell’amicizia non serve cambiare bus: il bus numero 14 fa tappa al Friendship Bridge ma poi prosegue per il Buddha Park. Il biglietto costa 6.000 kip a tratta e i bus sono frequenti (ogni 15-20 minuti).

Reply
patrick Gennaio 2, 2015 - 11:24 am

Perfetto, avevamo avuto informazioni imprecise (ma mi sa che in questo Paese cambia tutto molto spesso e velocemente), aggiorno il post! grazie!

Reply
clamore1979 Gennaio 2, 2015 - 11:31 am

Esatto, in Laos di sicuro c’è poco o niente.. ho pensato di dirtelo perché arrivarci con il bus è semplice ed economico, quindi sicuramente è una cosa che può interessare! 🙂

Reply

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Quersto blog utilizza i cookie per garantire una migliore esperienza di navigazione, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il traffico. Per saperne di più accedi alla privacy policy . Puoi cliccare o rifiutare. Cliccando rifiuta nessun cookie sarà installato. Accetta Leggi di più