Soffocati dalla plastica

di

La spazzatura che invade i deserti, le periferie. E non se ne va.

Plastic bags in the moroccan desert

dog searching in litter, Rajasthan

Marocco (sud est), plastica nel deserto. Cane cerca cibo  fra i rifiuti vicino a Mandawa, Rajasthan India (foto mie)

Sacchetti di plastica si possono trovare nello stomaco di capodogli spiaggiati o in un’immensa isola galleggiante nell’oceano Pacifico. Ma anche nei deserti o in immense pile ai margini delle città del terzo mondo. La maggior quantità di rifiuti di plastica arriva naturalmente dai paesi più industrializzati. Ma sono soprattutto i paesi più poveri a rischiare di soffocare sotto una montagna di plastica. Perché la gente non conosce i danni che produce, o  ha cose più importanti a cui pensare nell’immediato. Come alla propria sopravvivenza, per esempio.

Ho visto i danni della plastica in India. In Rajasthan in particolare, dove il tè nei villaggi non viene più servito in bicchieri di vetro, costosi da lavare e  fragili, ma in quei bicchieri che chiamiamo in maniera così rassicurante ‘di carta’, ma che in realtà sono di plastica. Bevuto il tè vengono gettati nelle fogne a cielo aperto che corrono lungo le strade. Se guardi perplesso, con la tua costernazione di occidentale, il più delle volte ti viene risposto con un largo sorriso: “This is India!”.

Certo, e fa parte del panorama indiano anche vedere immensi cumuli di immondizia, capre e mucche che masticano sacchetti di plastica, fogne intasate che allagano le strade di acqua putrida, con le immancabili bottiglie di pvc che galleggiano. Montagne di spazzatura che rappresentano, solo in parte, anche una fonte di sostentamento. I bambini delle caste inferiori rovistano nella spazzatura alla ricerca di materiali da riciclare, bottiglie soprattutto e li vedi girare carichi di spazzatura sulle spalle o sui carretti. Quello che non interessa però resta lì, o viene trasportato lontano dal vento: nelle campagne e nei corsi d’acqua.

Come in Marocco. Nei paesi fuori dalle grandi città la plastica viene gettata insieme al resto della spazzatura in cumuli ai margini dei centri abitati. Il resto del lavoro poi lo fa proprio il vento, trasportando sacchetti di plastica per chilometri e chilometri nel deserto. La distesa di sabbia è punteggiata di chiazze nere, bianche e blu. Posso solo immaginare l’esercito che sarebbe necessario per ripulire aree così vaste. Se non ci penserà l’uomo ci penserà la natura, ma ci vorranno alcune centinaia di anni.

Forse tutto questo avrà fine: l’Europa e altri Paesi stanno bandendo i sacchetti di plastica. Noi, per distinguerci come sempre, abbiamo rinviato il divieto di un anno.

Per saperne di più: Litter india, L’isola di plastica nel Pacifico

Potrebbero interessarti

0 Commenti

Peter Febbraio 14, 2010 - 1:03 pm

ottimo! era ora dr. colgan!

mi ricorda su più ampia scala i nostri italici affarucci. come il ricco nord che butta sotto il “tappeto sud”, per poi alzare il ditino quando qualcosa non va…

Reply

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Quersto blog utilizza i cookie per garantire una migliore esperienza di navigazione, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il traffico. Per saperne di più accedi alla privacy policy . Puoi cliccare o rifiutare. Cliccando rifiuta nessun cookie sarà installato. Accetta Leggi di più