Rocky è tornato

di patrickcolgan

Sì è tornato. Gonfio, palestrato, vecchio, triste e autoironico. L’ultimo capitolo della saga pugilistica l’ho visto l’altra sera in anteprima (al Nosadella): Rocky è stato un mito dei miei 10 anni e una mezza lacrima quasi mi scappava. Pubblico in delirio, applausi e cori quando parte il ‘Rocky theme’, fanno sparire la paura per la nuova opera di Stallone. L’atmosfera giusta.

Il film naturalmente è l’ennesima messa in scena dello stesso film e poco importa. Cambia il tono, cambiano i personaggi (alcuni) ma c’è tutto, la storia è la stessa una cosa quasi… proppiana. La sfida impossibile questa volta è con il giovane Mason Dixon, imbattuto campione dei massimi che sembra un giovane Apollo Creed.

Ma tutto il resto è come tutti ce lo aspettiamo – e va bene così in fondo, no? – stesso montaggio-sequenza dell’allenamento (che ricorda quello del quarto episodio, Rocky che prende a pugni quarti di bue e solleva catene e il giovane campione che si allena in palestre di lusso), stessi problemi di sempre, stessi insulti da parte del campione in carica, stesso match finale. Stallone (anche alla regia) è in forma fisica invidiabile per la sua età (ma i 60 anni si vedono, eccome) e salva tutto con un po’ di riflessioni amare e  di autoironia. Perché Balboa fa citazioni letterarie, compone poesie al volo, minaccia ‘ti spiezzo in due’, ha problemi di cervicale e questa volta sale la ‘mitica’ scalinata di Philadelphia con un bastardino spelacchiato. E allora va bene anche l’ultimo Rocky.

Potrebbero interessarti

0 Commenti

mybeautifulife Gennaio 11, 2007 - 7:02 pm

vorrei vederlo anche io, sono curioso !!!

Reply
lunanuova Gennaio 12, 2007 - 3:04 pm

…manca solo il mitico Ferruccio! cavoli…

Reply
alex Giugno 14, 2007 - 1:47 pm

e’ vero senza amendola e’ un’altra cosa

Reply

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: