Link del 14/09

di

SPORT Il portiere più sfortunato del mondo

Il video lo hanno già visto in tanti. Il portiere para il rigore decisivo, ma mentre festeggia la palla rotola lentamente in rete. Una papera, un black out mentale? No, un altro esempio – feroce – di solitudine del portiere, il più solo degli uomini in campo. Banditi anche i festeggiamenti dopo una difficile parata perché lo spettro della papera incombe sempre. Facile la vita degli attaccanti, non quella del portiere…  E solo chi ha giocato in questo infame ruolo (come me) può capire. Bell’articolo del Post che riprende Lanfranco Pace.

CULTURA La fine dei libri?

E che metto i link a fare, tanto li trovate tutti sul post. In questo caso, partendo da un’analisi molto approssimativa di Jack Shafer (columnist di Slate che in genere si occupa di tutt’altro) e presunto ex bibliofilo si riflette sulla progressiva marginalizzazione del libro: “non saranno i libri di carta a sparire, ma il nostro interesse per loro”, si legge. In parte l’articolo coglie un fenomeno in corso, i  cui indizi sono evidenti, ma ne trae conclusioni drastiche e con un tono un po’ antipatico (in particolare da quando è uscito Ipad molti blogger tifano per la distruzione di qualsiasi supporto cartaceo e non ne fanno poi tanto mistero aggiugendo un po’ di wishful thinking alle loro argomentazioni). Il dibattito è in ogni modo sempre benvenuto.

CINEMA Il dibattito su Venezia

Lasciano il tempo che trovano le solite isterie sulla mostra del cinema. Quest’anno c’ero e quindi le ho lette con un certo interesse. Abbastanza assurde le diatribe sui premi, sciocche le accuse di familismo a Tarantino (che mosse da italiani fanno abbastanza ridere) e la ‘sorpresa’ per l’assenza di premi a film italiani. Più che accusare e rammaricarsi, bisognerebbe riflettere sulla scadente produzione cinematografica. Di film italiani ne ho visto solo uno (l’agghiacciante ‘La solitudine dei numeri primi’) e devo dire che mi è bastato. A chi plaude gli attori del film, comunque bravi e volenterosi, va detto che non basta dimagrire o ingrassare per una grande interpretazione. Fra gli articoli più sensati su Venezia quello di Valerio Cappelli. Venendo ai film, fra i resoconti complessivi più condivisibili che ho trovato quelli di Badtaste e Cineblog.

CINEMA/2 Parla Stallone

Bella intervista di GQ (per chi legge l’inglese) con Sly Stallone, uno dei personaggi più sottovalutati del cinema.

VIAGGI In viaggio col taccuino

Istanbul, Pamuk

Istanbul, Pamuk

Meravigliosa versione ‘artefatta’ di Istanbul su ‘In viaggio col taccuino’. Forse è la versione davvero perfetta del libro di Pamuk

 

 

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Quersto blog utilizza i cookie per garantire una migliore esperienza di navigazione, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il traffico. Per saperne di più accedi alla privacy policy . Puoi cliccare o rifiutare. Cliccando rifiuta nessun cookie sarà installato. Accetta Leggi di più