Un giorno ad Arashiyama

di patrickcolgan

Non c’è solo la famosa foresta di bambù (che poi non è così grande): Arashiyama è un concentrato di meraviglie e provo a raccontarvele

Il secondo giorno a Kyoto (il primo è raccontato qui) non è nel cuore della città. Si prende un treno e in 15-20 minuti si arriva ad Arashiyama, una località incastonata fra le montagne a ovest della città e circondata da foreste, densa di storia e di bellezza e che – per quanto turistica – assomiglia un po’ a quello che chiamo il ‘Giappone sognato’, l’archetipo del Paese, quello che io immaginerei dipinto sullo sfondo di uno spettacolo di teatro Kabuki.

Arashiyama è particolarmente bella in primavera, quando è un’esplosione di bianco e rosa lungo il fiume per i ciliegi in fiore e in autunno quando i boschi si incendiano del rosso degli aceri. Ma la verità è che qui il panorama è meraviglioso tutto l’anno.

Amavo i luoghi silenziosi di Kyoto, i luoghi che contenevano il mondo intero in un attimo senza vento. Dentro i templi, la Natura tratteneva il respiro. Tutto il desiderio veniva messo a riposo nell’immobilità e distillato in una pura semplicità

(Pico Iyer, ‘Video night in Katmandu’, già citato in un altro post, ma ancora perfetto)

Provo a consigliarvi le cose principali da vedere.

La foresta di bambù di Arashiyama

Prima notizia, ad Arashiyama non c’è solo la foresta di bambù, che poi chiamarla foresta è anche esagerato. L’idea è arrivare prestissimo, anche alle 7 se ce la fate. Perché in un giorno ad Arashiyama c’è tantissimo da vedere ed è vietato correre: sono posti da contemplare e vivere. Se si corre non si svelano nel profondo. E arrivare presto è importante per cercare di essere il più possibile soli in questo posto indimenticabile che ultimamente è sempre più affollato. Non è l’unica foresta di bambù, anzi solo a Kyoto ce ne sono diverse. Ma è difficile poter camminare all’interno del fitto intrico di piante altissime come qui, dove c’è un reticolo di sentieri.

Se c’è sufficiente silenzio, e un alito di vento, si può ascoltare il fruscio leggero delle cime che sembrano sussurrare. E, specie la mattina, la luce che filtra ha qualcosa di irreale.

Scrivevo questo testo quando era ancora possibile passeggiare nel bosco in relativa solitudine. Purtroppo l’aumento vertiginoso dei turisti, che spesso arrivano qui con aspettative elevatissime, ha rovinato gran parte dell’atmosfera. E’ una constatazione, non un giudizio: ricordiamoci sempre che anche noi siamo parte della folla. Per questo una buona idea è arrivare all’alba. Poi magari resterete delusi ugualmente, è solo un bosco, in fondo e la magia dovete saperla vedere e ascoltare.

un giorno ad Arashiyama: si comincia dalla foresta di bambù

La foresta di bambù di Arashiyama (foto di Patrick Colgan, 2013

La foresta di bambù ad Arashiyama, Kyoto

La foresta di bambù ad Arashiyama (foto di Patrick Colgan, 2013)

La foresta di bambù di Arashiyama, Kyoto

La foresta di bambù di Arashiyama, Kyoto (foto di Patrick Colgan, 2013)

Il Gio-ji

Questo è uno dei miei templi preferiti a Kyoto, forse perché è ai margini di Arashiyama, in un punto dove arrivano in pochi. Il suo nome si legge ‘ghio-ji’ ed è un luogo di culto molto antico, anche se gli edifici attuali sono relativamente recenti, del 1895. Ma ugualmente sembrano emergere da un passato ancestrale: sembrano un tutt’uno con la foresta. E invece no: gli alberi leggermente contorti, i 18 tipi di muschio del giardino sono troppo perfetti, scopri poco dopo. E’ una natura immaginata.

La leggenda collegata al tempio è toccante, anche se forse il suo significato più profondo continua a sfuggirmi. E’ narrata nel poema epico ‘Storia di Heike’ (Heike-monogatari) del quattordicesimo secolo. Gio era una danzatrice innamorata di Taira no Kiyomori, il capo del clan Heike. Quando lui le preferì un’altra danzatrice, Hotoke-Gozen, lei si ritirò nel tempio con la sorella e la madre. Poco tempo dopo vennero raggiunte da Hotoke-Gozen, consapevole che lo stesso fato sarebbe toccato anche a lei.

Il Gio-ji, a Kyoto

Il Gio-ji sembra tutt’uno con la foresta
(da Flickr creative commons attribution non commercial
di Descuvrir Japòn)

Gio-ji, particolare

Gio-ji, particolare (foto di Patrick Colgan)

Gio-ji, particolare

Gio-ji, particolare (foto di Patrick Colgan)

Gio-ji, Kyoto (foto di Patrick Colgan, 2013)

Gio-ji, Kyoto (foto di Patrick Colgan, 2013)

Okochi Sanso

Ad Arashiyama c’è così tanto da vedere  e fare che molti snobbano la villa dell’attore Denjiro Okochi, adagiata fra le colline alle spalle della foresta di bambù e che per di più ha un biglietto che costa 1.000 yen (incluso un tè maccha). Ma non entrare qui è davvero un peccato. L’area intorno alla villa – chiusa al pubblico – è una vasta successione di meravigliosi giardini, di colori e composizioni di alberi, pietre, muschio che sono senza paragoni, neppure nei templi forse c’è qualcosa di comparabile.  Siamo sulla cima dei monti e ogni tanto si aprono panorami imprevedibili. E’ un’esperienza.

Okochi Sanso, Arashiyama

Okochi Sanso, Arashiyama (foto di Patrick Colgan, 2013)

Okochi Sanso, Arashiyama

Okochi Sanso, Arashiyama (foto di Patrick Colgan, 2013)

Kyoto, Okochi Sanso

Okochi Sanso, Kyoto (foto di Patrick Colgan, 2013)

Il pranzo

Arashiyama, nelle vie del centro piene di negozi di souvenir abbonda di luoghi dove fare spuntini o pranzare (qui una bella lista). Io però ne amo particolarmente uno: Yoshimura. È’ un ristorante di soba, tagliolini di grano saraceno in brodo. Si trova lungo il fiume (a destra guardando il ponte, venendo dalla stazione) e qui si viene soprattutto per un motivo: il panorama impagabile su fiumi e montagne che si gode dal primo piano. Serve un po’ di fortuna (meglio prenotare al 075-863-5700) per trovare un posto di quelli ‘speciali’, ma ne vale la pena. Ne avevo scritto anche qui.

Yoshimura, Arashiyama (foto di Patrick Colgan, 2013)

Yoshimura, Arashiyama (foto di Patrick Colgan, 2013)

C’è anche un’alternativa: mangiare al tempio, come vediamo ora.

⇒⇒ Sul Giappone ho anche scritto una guida per la collana Viaggiautori

Il giardino zen del Tenryu-ji

Questo tempio buddista zen vanta un famoso, bellissimo giardino raccolto attorno a un lago. Nel mio primo viaggio l’ho contemplato a lungo. Forse è proprio in questo posto – a metà, più o meno, del mio itinerario – che ho realizzato che questo Paese mi stava cambiando, che non sarebbe stato un viaggio come gli altri. Era gennaio, c’era poca gente, era il posto perfetto per fermarsi e pensare.

Se mi stai seguendo ci sei arrivato intorno a mezzogiorno e forse non è l’ora migliore per ammirare i colori e i riflessi. E’ però sicuramente l’orario giusto per il ristorante vegetariano Shigetsu, dove si può provare la cucina dei templi buddisti, la cosiddetta shojin-ryori (prenotazione obbligatoria 882-9725, dalle 11 alle 2).

Link utili: il tempio Tenryuji su Viaggiappone

Il tempio Tenryuji, ad Arashiyama

Tenryuji, Arashiyama (foto di Patrick Colgan, 2013)

Viaggio a Kyoto: il giardino del Tenryuji, Arashiyama

Viaggio a Kyoto: il giardino del enryuji, Arashiyama

Monkey Park Iwatayama

Anche a Kyoto è possibile vedere i famosi macachi giapponesi, in una situazione abbastanza simile a quella del famoso parco di Jigokudani (dove fanno il bagno nelle acque termali). Ad Arashiyama c’è, infatti, un monte interamente adibito a vasto parco per circa 170 esemplari che nell’area vivono liberamente. In teoria sono selvatici, nei fatti almeno una parte di essi sono semi-addomesticati. I macachi, per quanto liberi, si affollano infatti intorno al centro visite, dal cui interno è possibile dar loro pezzetti di frutta. Vedere i macachi e osservarli, anche a lungo, specie quando sono con i piccoli è inevitabilmente bello. Ma è impossibile non porsi qualche domanda o sentirsi un po’ in colpa per la situazione quando li si vede azzuffarsi fra loro per un pezzo di mela offerto da un visitatore.

Il Monkey Park Iwatayama si trova appena al di là del ponte Togetsukyo arrivando dalla stazione. Gira a destra, troverai l’ingresso poco dopo sulla sinistra. Si fa il biglietto a una macchinetta automatica e poi si sale per circa mezz’ora nel bosco.

Il moneky park Iwatayama, Kyoto

Il moneky park Iwatayama, Kyoto (foto di Patrick Colgan, 2011)

Non è finita

Arashiyama meriterebbe giorni e giorni per essere esplorata. Ci sono anche vie con case antiche perfettamente conservate, molti altri templi, la casa di un poeta seguace di Matsuo Basho (Rakushisha), una ferrovia panoramica ed è possibile osservare la pesca col cormorano. A un paio di chilometri, dovete prendere il bus o un taxi, c’è anche lo splendido tempio Otagi Nembutsu-ji.

Otagi Nembutsu-ji

Otagi Nembutsu-ji (foto di Patrick Colgan, 2019)

Su Japan Guide c’è una lista abbastanza completa.

A fine giornata

Al rientro a Kyoto – specie se il clima è fresco e non si è fatto troppo tardi – un’idea potrebbe essere quella di fare un salto alle terme del Funaoka onsen, uno dei più belli della città, dotato di numerose vasche a diverse temperature, anche all’aperto. E’ famoso anche per le sue decorazioni in legno intagliato dal tema però violento e controverso: rappresenterebbero l’invasione della Manciuria. Sono accettati i tatuaggi.

Sul posto si può acquistare il sapone e noleggiare un asciugamano (fondamentali). E’ nella zona nord della città. La metro più vicina è Kuramaguchi (circa 15 minuti), altrimenti è consigliabile il taxi

⇒⇒ per una guida completa agli onsen e a come comportarsi: piccola guida agli onsen

Come arrivare ad Arashiyama

Il modo più semplice per arrivare ad Arashiyama è in treno dalla stazione di Kyoto, con la linea Sagano (detta anche Sanin), in 15 minuti  al costo di 240 yen (vale il Jr pass). Altrimenti si può arrivare con la linea Hankyu partendo da Karasuma o Kawaramachi, in centro, e cambiando alla stazione di Katsura.

⇒⇒ Se volete approfondire, ho dedicato un intero post a come spostarsi a Kyoto.

Aggiungo anche una notizia per gli amanti del trekking: prolungando il classico sentiero da Takao a Kiyotaki si può arrivare fino ad Arashiyama (oppure a Kiyotaki potete prendere un bus che vi lascerà nei pressi della foresta di bambù). A quel punto però sarebbe forse opportuno pernottare ad Arashiyama per vederla il giorno dopo con calma.

Kyoto: Arashiyama, il parco lungo il fiume

Arashiyama, il parco lungo il fiume (foto di Patrick Colgan, 2013)

Un’idea, suggerita da alcuni, prevede di collegare la visita ad Arashiyama al Kinkakuji, il padiglione d’oro (di cui ho scritto nel post precedente): in effetti sono dallo stesso lato della città. Il viaggio dura circa 20 minuti al costo di 2.000 yen.

⇒⇒  su Amazon il mio libro Orizzonte Giappone in versione cartacea o ebook

Treno e ferrovia panoramici

Difficile fare tutto in un solo giorno ad Arashiyama. Ma c’è la possibilità di percorrere in treno o in barca le gole del fiume Hozu fra Arashiyama e Kameoka: ne ho scritto nel post su Kameoka

Guida a Kyoto: post precedenti

Potrebbero interessarti

18 Commenti

Pam Febbraio 12, 2015 - 11:51 am

In una localita’. He non avevo mai sentito nominare c’è veramente tantissimo da fare! Un giorno o l’altro visiterò il Giappone, e quando lo farò Arashiyama sará sicuramente nella mia lista! Grazie per avermela fatta scoprire!
PS- il tuo libro è il prossimo in lista, purtroppo non trovo mai il tempo di leggere, ma non vedo l’ora di cominciarlo 🙂

Reply
patrick Febbraio 16, 2015 - 10:39 am

Diciamo che è una zona di Kyoto, non sempre viene chiamata col suo nome, ma alcuni luoghi come la foresta di bambù sono molto famosi e probabilmente li avrai visti in articoli o post sul Giappone.
ps Non ti devi mica giustificare! La lettura ha i suoi tempi.

Reply
Barbara Oggero Febbraio 12, 2015 - 6:15 pm

Ecco: s’ha da tornare per forza!

Reply
dueingiro.blogspot.it Febbraio 17, 2015 - 1:58 pm

Le scimmie sono simili ai babbuini gelada che abbiamo visto in Etiopia! Così dolci 🙂 !

Reply
Raniera Febbraio 18, 2015 - 11:26 am

Grazie Patrick,
un altro posto fantastico da visitare…. ^_^

Reply
Paola Febbraio 13, 2016 - 4:34 pm

Ciao, leggendo qui sopra mi ha colpito molto questa frase “sono accettati i tatuaggi.” Inoltre avevo letto che in Giappone non è buon costume mostrare i propri tatuaggi… puoi spiegarmi qualcosa in più in merito visto che mio marito ha un braccio completamente tatuato? Grazie

Reply
patrickcolgan Febbraio 13, 2016 - 4:55 pm

Ciao! E’ proprio così infatti, anche se alcuni bagni e terme li accettano o chiudono un occhio come per esempio il Funaoka onsen. In questo post trovi qualche informazione in più http://orizzontiblog.it/2015/04/10/piccola-guida-agli-onsen/

Reply
Paola Febbraio 17, 2016 - 6:45 pm

Grazie 🙂

Reply
Marta Febbraio 13, 2016 - 4:55 pm

Ciao , questa visita di Arashiyama è meglio farla con una guida o in 2 (parlanti inglese) si riesce? hai qualche nozione “pratica” da darmi? grazie

Reply
patrickcolgan Febbraio 13, 2016 - 5:01 pm

Ciao! Guarda io la prima volta andai da solo, non parlavo giapponese e non ho avuto il minimo problema, come nel resto del giappone. Con una buona guida (intendo la guida come libro, Lonely Planet ecc.) ci si orienta bene. E se si devono chiedere indicazioni in qualche modo ci si intende. Poi… ad Arashiyama è difficile perdersi, ci sono tanti punti di riferimento, il principale è il fiume.

Reply
Alessia Febbraio 24, 2018 - 8:06 pm

ciao, grazie x i tuoi preziosi consigli.
a novembre andrò in Giappone x 14 giorni e nel mio itinerario nei giorni a Kyoto ho messo tutte le sere dopo cena rilassamento al Funaoka onsen dato che ho 7 tatuaggi. è difficile arrivarci a piedi dalla stazione Kuramaguchi? consigli un taxi dato che dista 1.5 km dalla stazione?
grazie

Reply
patrickcolgan Febbraio 25, 2018 - 5:17 pm

Sono venti minuti di cammino, la zona è un po’ anonima ma nemmeno brutta (anche se un po’ deserta di notte, non facile nemmeno trovare un taxi) io però venti minuti di passeggiata li farei senza problemi 🙂
Se poi tu avessi una bici… ricorda che la bici è il miglior modo per esplorare kyoto!
Il funaoka onsen per me è una tappa serale sempre irrinunciabile, specie quando fa molto freddo, d’inverno.

Reply

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: