Il monaco e la signora – una stagione a Kyoto

di

Il monaco e la signoraNon conoscevo Pico Iyer prima che diventasse il mio unico compagno di viaggio (letterario) in Giappone. Devo ringraziare Simona, che mi ha fatto avere ‘Il monaco e la signora’ alla vigilia della partenza perché questo libro del ’91, pubblicato in Italia da Feltrinelli tre anni dopo, non è stato ristampato e incomprensibilmente è quasi introvabile in Italia.

In quelle prime fredde ore del giorno, mentre alcuni luoghi paiono sfiniti e altri rinati, Kyoto, invece, sembrava sempre un miracolo di speranze mattutine

Un peccato che questo libro non si trovi, perché ho scoperto uno scrittore sensibile, capace di raccontare il Giappone mantenendosi in equilibrio fra narrazione autobiografica, racconto di viaggio e dialogo filosofico. Iyer trascorre un anno a Kyoto: alcuni periodi in monasteri buddisti in cui si avvicina allo zen, altri vivendo una normale vita da straniero in Giappone. Vero motore narrativo del libro è il rapporto con Sachiko, una donna sposata, con cui Iyer instaura una relazione delicata e conflittuale. Una relazione che assomiglia molto a quella con il Paese che sta cercando di capire, ma che continua a sfuggirgli come il verso ambivalente di una poesia, come una di quelle parole giapponesi dai significati multipli o dalla traduzione impossibile che rendono difficile intendersi nei surreali dialoghi con Sachiko. Una metafora dell’ambivalente rapporto fra Giappone e occidente, anche se è solo una – la più evidente – delle chiavi di lettura del libro.

Ma del libro ho amato anche la voce, che ho sentito vicina mentre affrontavo il mio personale viaggio di scoperta. E’ stato un gran bel compagno di viaggio, che ero contento di ritrovare nei momenti di pausa, sui treni, nelle sale d’attesa, la sera in ostello. Non pretende di essere onnisciente: Iyer racconta e si racconta, a costo di apparire a volte ingenuo o irritante. In mezzo ad alcuni giudizi alle volte banali sul Giappone – che gli perdono – è spesso acuto o sorprendente, specie quando è in grado di rendere universali le piccole cose, gli attimi irripetibili o quando usa la poesia per interpretare il Paese, una chiave  rara nella letteratura di viaggio e nel reportage.

Inoltre regge alla prova del tempo: l’impressione che ho avuto è che nonostante sia probabilmente un Paese assai diverso da quello che era all’inizio degli anni ’90 – soprattutto nel rapporto col mondo e con gli stranieri – molte osservazioni di Iyer siano ancora validissime.

L’auspicio è che un giorno, magari in formato ebook, Feltrinelli (o un altro autore) ripubblichi il libro. Fino ad allora potete o inseguire una delle poche copie che ogni tanto riappaiono sul mercato dell’usato. O leggerlo in inglese.

Per acquistare il libro

Il monaco e la signora – Feltrinelli ISBN 1992 9788871081106 (indisponibile sui principali siti al momento, ma ogni tanto qualche copia riappare)

Link interessanti: The Lady and the Monk (parte del libro, in inglese, su Google books); 100 libri di viaggio che dovresti leggere; i 10 libri di viaggio più belli del 2010 secondo worldhum;

n.b. acquistando il libro tramite il link proposto – se lo trovate – porta una piccolissima commissione al blog, che non influisce sul prezzo e serve per sostenerne le spese. Siete ovviamente liberi di acquistarli su qualsiasi sito o nella vostra libreria di fiducia.

Potrebbero interessarti

0 Commenti

driuorno Giugno 17, 2014 - 10:58 pm

L’ha ribloggato su BABAJI.

Reply

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Quersto blog utilizza i cookie per garantire una migliore esperienza di navigazione, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il traffico. Per saperne di più accedi alla privacy policy . Puoi cliccare o rifiutare. Cliccando rifiuta nessun cookie sarà installato. Accetta Leggi di più