Il grande blu di Amorgos

di patrickcolgan

Il mare e le spiagge di Amorgos, una delle meno conosciute, ma più belle, fra le Cicladi. Se avete voglia di blu potete anche solo ‘guardare le figure’, c’è da rifarsi gli occhi.

“Felice l’uomo, pensavo, che prima di morire ha avuto la fortuna di navigare il mar Egeo”.

Nikos Kazantzakis “Zorba il Greco

Cerca di restare così, Amorgos. Difficile da raggiungere, ai margini estremi delle Cicladi. Richiedi ai viaggiatori che ti desiderano un po’ di tempo e fatica: non meno di sette ore di traghetto o cinque su una nave più veloce, ma cara. Resta un’isola all’apparenza aspra e scontrosa, con le tue rocce a picco sul mare, la tua terra che sembra secca e inospitale. Resta così, con le tue strade invase dalle capre, le tue strisce d’asfalto tortuose e ripide, spazzate dal vento nei punti più alti. Resta così, un sogno per cui faticare, da raggiungere dopo un giorno intero di viaggio, stremati. Forse solo così, viene da pensare, resterai un’isola per il quale tutto questo vale la pena.

E’ quasi inevitabile che Luc Besson abbia girato in parte proprio qui uno strambo film degli anni ’90 intitolato proprio Le grand bleu.  Il grande blu è proprio quello che ricordo di quest’isola. Lo ricordo perché è un’isola montuosa e stretta, in cui spesso il mare si domina dall’alto e ci si sente davvero persi nel Mediterraneo, specialmente quando si guarda verso est. E’ qui che finiscono le Cicladi e lo sguardo, per la prima volta da quando è iniziato il viaggio in nave, con sempre qualche isola o isoletta in vista, può spaziare senza fine. E’ davvero un blu onnipresente quello che si trova qui, un po’ ai margini, finora, dei grandi flussi turistici. E infatti scrivendone mi sembra quasi di fare un sacrilegio, di rivelare un segreto. In realtà non è poi davvero un segreto. I francesi l’hanno scoperta già da un po’ di tempo. La prima volta che scoprì l’esistenza di quest’isola fu leggendo la guida Routard Isole greche, che ne scriveva con entusiasmo e nostalgia. E da lì, l’immagine di quel coup de coeur ci era rimasta in testa. E quando finalmente siamo riusciti ad andare ha rubato il cuore anche a noi.

Tramonto su Amorgos

Tramonto su Amorgos
(foto di Patrick Colgan, 2014)

Le spiagge di Amorgos

“Abbiamo scoperto una vera passione del cuore e anche voi non potrete sfuggire al colpo di fulmine”

Guida Routard, Isole Greche

Le spiagge di Amorgos offrono in pochi chilometri una varietà estrema di colori e panorami: non è solo questione di sassi, scogli, sabbia. Se ti stanchi in fretta puoi facilmente cambiare due o tre spiagge in un giorno, diversissime l’una dall’altra. Per esempio, cominciando presto, si possono facilmente visitare Agios Pavlos, Nikouria e nel pomeriggio fare un bagno a Mouros, sulla costa est. Provo a raccontare quelle che ho visto.

Spiagge di Amorgos: il nord

Aegiali

La lunga striscia di sabbia del secondo porto dell’isola si difende tutto sommato bene per essere una spiaggia di città. Ma valeva davvero la pena arrivare fin qui per una spiaggia così banale? Affacciate sulla  baia di Aegiali ci sono altre due strisce di sabbia davvero splendide e con più personalità. La prima, Levrosso è accessibile a piedi con un sentiero dalla spiaggia di Aegiali o, più semplicemente, da un piccolo parcheggio (deviazione a sinistra più o meno a metà lungo la strada di Tholaria). Se è pieno lasciate l’auto lungo la strada in modo che non intralci. Da qui parte una scalinata che scende fino al mare, costeggiando un bel complesso di residence e un bar taverna in posizione splendida. Dall’alto i gradini sembrano più faticosi di quanto siano in realtà e ne vale la pena perché la spiaggia è davvero graziosa e non è soffocata dalle case vicino a riva. A volte, un lato della spiaggia lontanto dalle scale può essere frequentato da nudisti. Più isolata la vicina spiaggia di Psili Ammos, accessibile con un sentiero. Secondo la guida Routard dovrebbe esserci anche una barca che fa la spola dal porto di Aegiali, ma non era in servizio a inizio luglio (forse in agosto c’è).

spiagge di Amorgos: Levrosso

Levrosso, Amorgos (foto di Patrick Colgan, 2014)

Agios Pavlos e Nikouria

Non lontano da Aegiali, lungo la strada per Chora, ci sono alcune delle spiagge più belle dell’isola. Giunti in vista dell’isola di Nikouria, sulla destra c’è uno spiazzo anonimo (ce ne sono diversi, bisogna cercare) dal quale si scende nell’idilliaca, piccolissima baia rocciosa di Limineraki, nascosta fra gli scogli. E’ uno straordinario punto per le immersioni subacquee (provato di persona) quindi potrebbe esserci un po’ di trambusto con viavai di mute e bombole quando i ragazzi del diving center arrivano e ripartono.

Cosa fare ad Amorgos: la spiaggia di Limineraki

Limineraki, Amorgos (foto di Patrick Colgan, 2014)

Poco più avanti c’è uno dei punti più belli dell’isola, ritratto in moltissime foto. E’ uno di quegli spettacoli che superano la soglia del bello per entrare nel raro e nell’incredibile, di quelle sorprese che riservano ogni tanto le isole greche. E’ Agios Pavlos, una lingua di sassi bianchi che si perde nell’acqua turchese e che cambia forma a seconda di vento e maree. E’ una spiaggia davvero unica. Il consiglio è di arrivare presto, specie nei periodi di maggior afflusso turistico, perché il posto è davvero limitato. Alle spalle della spiaggia ci sono un residence (credo sia questo), con una serie di villette intelligentemente costruite di pietra, indistinguibili da lontano rispetto alla normale roccia dell’isola, una taverna e un bar con piscina (immagino sia utilizzata di sera, perché con questo mare è quasi un insulto).

Questo elenco può far sembrare che il tutto sia incredibilmente invasivo e che il posto sia rovinato. Non è così, il bar è a una certa distanza e su questa mezzaluna nel blu ci si riesce comunque a sentire fuori dal mondo.

Agios Pavlos, Amorgos

Agios Pavlos (foto di Patrick Colgan, 2014) clicca per vedere il panorama più grande!

La splendida spiaggia di Agios Pavlos, Amorgos (foto di Patrick Colgan, 2014)

La splendida spiaggia di Agios Pavlos, Amorgos (foto di Patrick Colgan, 2014)

Agios Pavlos, Amorgos

Agios Pavlos, Amorgos. Per non nascondere nulla, ecco il bar con piscina. La foto schiaccia un po’, è decisamente più in alto e staccato dalla spiaggia (foto di Patrick Colgan, 2014)
clicca per vedere il panorama più grande!

Spiagge di Amorgos: Agios Pavlos (foto di Patrick Colgan, 2014)

Spiagge di Amorgos: Agios Pavlos (foto di Patrick Colgan, 2014)

Le meraviglie di questo punto non finiscono però qui, anzi forse il punto più bello deve ancora arrivare, anche se è meno appariscente. Dal molo a lato di Agios Pavlos ogni ora  (fino alle 18, ma informatevi) parte una barca che fa la spola con l’isola di Nikouria, proprio di fronte. Un tempo colonia di lebbrosi, ora l’isola è completamente disabitata, eccezion fatta per alcune capre. Nikouria offre una splendida spiaggia sabbiosa con acqua turchese. Forse, per la sua solitudine, per il suo aspetto selvaggio, per l’assenza di qualsiasi struttura è la mia preferita. Portatevi dell’acqua e magari un ombrellone perché qui non c’è proprio nulla!

Le spiagge di Amorgos: Nikouria

L’isola di Nikouria, Amorgos (foto di Patrick Colgan, 2014)

Le spiagge di Amorgos, Nikouria

Nikouria, Amorgos (foto di Patrick Colgan, 2014)

Intorno a Katapola: Maltezi

La spiaggia più bella di Katapola, primo porto dell’isola, è probabilmente Maltezi. Si raggiunge a piedi scavallando il promontorio a sud della zona di Xilokeratidi – dove ci sono ottimi ristoranti sull’acqua – dall’altra parte della baia rispetto al porto. Oppure, proprio da lì potete prendere una barca (3.50 a testa, andata e ritorno) che fa la spola ogni ora fino alle 18 in pochi minuti. I volantini specificano che l’isola non è toccata dal meltemi, il forte vento che spazza le isole greche. In realtà di vento ne abbiamo trovato e non doveva essere tanto inusuale, visto che gli ombrelloni della parte attrezzata della spiaggia era ben assicurati con funi. Niente però da impedire di rilassarsi perfettamente su questa spiaggia dalla sabbia gialla e non particolarmente affascinante, ma con un’acqua spettacolare.

Maltezi, Amorgos

Maltezi, Amorgos. Nota: non è quella la barca con cui si arriva, è un ex peschereccio assai più grande (foto di Patrick Colgan, 2014)

maltezi.jpg

Maltezi, Amorgos (foto di Patrick Colgan, 2014)

La costa orientale di Amorgos

Quando si guarda a oriente il paesaggio cambia rapidamente e Amorgos mostra un volto diverso. E’ un panorama aspro, che sembra interrotto bruscamente. Le rocce si tuffano a strapiombo sul mare e le spiagge si diradano, limitate ad alcune piccole calette, come ad Agia Anna (dove non siamo stati) o a Mouros, bella, stretta spiaggia di sassolini bianchi e grigi. Qui, in alto, vicino al parcheggio, ci sono anche un caffè e una taverna con un panorama eccezionale.

Mouros, Amorgos

Mouros, Amorgos (foto di Patrick Colgan, 2014)

Le spiagge di Amorgos: il sud

Scendendo verso sud l’isola cambia aspetto, si addolcisce leggermente, le montagne smettono di incombere, ma non aumenta la presenza umana. Poche case, pochissimi paesi annidati fra i rilievi, qui sembra tornare indietro di venti, trent’anni. Non andiamo verso il lido di Paradisis, ma ci dirigiamo verso la punta estrema di Amorgos.

Sulla strada che porta verso la spiaggia di Kalokaritissa si vede, sulla destra, il vecchio relitto dell’Olympia, scenografia di unabella sequenza all’inizio del film Le grand bleu.

Il relitto dell'Olympia

Il relitto dell’Olympia (foto di Patrick Colgan 2014)

Poco più avanti si arriva alla nostra destinazione, Kalokaritissa, graziosa baia dall’acqua di un turchese chiarissimo, quasi lattiginoso. L’abbiamo visitata in un giorno ventosissimo e non so se sia la norma. Ma gli ombrelloni della piccola area attrezzata (c’è anche un bar) erano decisamente robusti. Purtroppo la baia è ormeggio di moltissime barche che guastano un po’ il paesaggio, ma non troppo. Qui si sente già l’atmosfera del confine, della fine dell’isola.

Le spiagge di Amorgos: Kalokaritissa

Kalokaritissa, Amorgos (foto di Patrick Colgan, 2014)

La spiaggia di Kalokaritissa, Amorgos

La spiaggia di Kalokaritissa, Amorgos

Informazioni utili

Come arrivare ad Amorgos

Nave e aereo. I collegamenti sono attivi tutto l’anno. Servizi giornalieri dal Pireo con i traghetti di Blue Ferries (34 euro, 7 ore e 40) o Sea Jets (59 euro, 4 ore e mezza), quest’ultima compagnia collega anche Rafina, secondo porto di Atene, molto vicino all’aeroporto (mezz’ora di bus).

Si possono consultare gli orari e prenotare i biglietti dei traghetti su internet (ci sono vari siti, consigliato un certo anticipo in altissima stagione). Gli aeroporti più vicini sono Santorini e Naxos, entrambe ben collegate con Amorgos.

Naxos è collegata via nave anche con l’Express Skopelitis che da la spola, fermandosi alle piccole Cicladi.

Come spostarsi ad Amorgos

Ad Amorgos è praticamente impossibile spostarsi in scooter, a meno di non volersi limitare alla zona nord dell’isola, intorno a Aegiali. Fra Aegiali, il capoluogo Chora (in alto sui monti) e Katapola c’è un’unica, ripida strada che sale fino a oltre 600 metri, poco adatta al motorino, specie quando c’è vento. L’alternativa all’auto è il quad. Non c’è reale bisogno invece di un fuoristrada. Tante le compagnie, come Thomas, Tomaso o Hermes e altre ancora. Servizi simili, prezzi simili (sui 30 euro al giorno per un’auto piccola, sconti su più giorni).

Dove alloggiare ad Amorgos

Tutta l’isola è bella. Katapola è meglio collegata con i traghetti e ha più servizi, Aegiali è circondata da splendidi paesi (Tholaria, Langada, Potamos), dove si può anche pernottare senza essere lontani dal mare più che qualche chilometro. Ha un po’ di vita notturna in più ed è vicina ad alcune delle spiagge più belle. Il bellissimo capoluogo di Chora è in cima ai monti, proprio al centro dell’isola, ma ben collegata e a un quarto d’ora dalla costa.

Le strutture in generale non sono tantissime e nella settimana centrale di agosto  i servizi di prenotazione davano disponibilità zero. Conviene però chiamare lo stesso le strutture perché non sempre tutte le stanze sono ‘vendute’ su internet (e non tutte sono su Booking). Inoltre, se vi piace improvvisare, al porto come in tutte le isole ci sono sempre diversi affittacamere che aspettano i turisti. Se possibile, però, consiglio senz’altro di prenotare in anticipo per evitare brutte sorprese.

Altri link utili

    • Ad Amorgos c’è anche il trekking. Tutte le informazioni sono in questo post: Camminare ad Amorgos
    • Guide. Io ho usato la Routard, che è ben fatta. Ma da allora è passato del tempo e ho contribuito a scrivere una guida delle Cicladi per la collana Viaggiautori. La pagina su Amorgos l’ho scritta io.

n.b. Alcuni link hanno affiliazioni, per esempio con Amazon, che non influiscono in alcun modo sul prezzo ma aiutano a sostenere il blog

Potrebbero interessarti

25 Commenti

ila luglio 30, 2014 - 1:07 pm

Bellissime foto, complimenti…grazie per averci svelato questo piccolo segreto!
Veramente quest’isola è così blu?
Raggiungerla mi sembra un tantino complicato con una bimba di solo un anno…magari fra qualche anno..con la speranza che nel frattempo tutto rimanga immutato!
Ciao e presto

Reply
patrick luglio 30, 2014 - 1:12 pm

Grazie per il commento e per i complimenti! 🙂
Le isole greche sono tutte un po’ complicate da raggiungere, in particolare se si va in nave e non in aereo. Questa, è un po’ più difficile da raggiungere via mare rispetto ad altre (un’ora in più di Naxos e Santorini). E per fortuna che lo spazio per un aeroporto non c’è, perché forse resterà davvero così!
ciao, a presto!

Reply
ambrasomewhere luglio 30, 2014 - 1:39 pm

Che splendore, foto stupende! Selvagge quanto basta, partirei domani!

Reply
TripVillage luglio 30, 2014 - 4:33 pm

Accipicchia! in effetti io non l’avevo sentita molto nominare..ed ora capisco perchè!!
Sarà il caso di andarci prima che diventi più popolata dai turisti (anche se spero che rimanga un gioiellino conosciuto da pochi!)
E che dire di Nikoura?? Sono a bocca aperta…che colori!!

Reply
patrick luglio 30, 2014 - 4:37 pm

Preciso che le foto sono uscite così, non ho accentuato i colori! Era un blu spettacolare… Consiglio davvero di andarci. Anche perché poi in realtà si può abbinare a Santorini e Naxos o le piccole cicladi (anche se in sei giorni non siamo riusciti a vedere quanto avremmo voluto!)

Reply
TripVillage luglio 30, 2014 - 4:56 pm

Ottima scusa per tornarci, no? 😉
Me lo segno eccome, dopo Santorini la voglia di Cicladi è andata alle stelle…

Reply
sudamericanelcuore luglio 30, 2014 - 9:20 pm

La Grecia tutta da vedere e scoprire! bella 🙂

Reply
Manuela agosto 8, 2014 - 11:31 am

Sei sicuro di volerne parlare? Sicuro che posso condividere?
Non vorrei che questo tesoro entri a far parte delle mete più blasonate della prossima estate 😀
Scherzi a parte, grazie.
Puntualmente mi fai conoscere posti di cui ignoravo totalmente l’esistenza.

Reply
patrick agosto 8, 2014 - 11:50 am

Ne sono felicissimo 🙂
Comunque adesso arriva un altro post su quest’isola. Piccola, ma ricca di scoperte!

Reply
Camminare ad Amorgos | orizzonti agosto 10, 2014 - 9:38 am

[…] La guida ideale per camminare ad Amorgos è quella citata nel testo. I periodi migliori per esplorare l’interno dell’isola sono primavera e autunno, mesi in cui diversi servizi dell’isola sono aperti (compreso il diving center, di cui scriverò nel prossimo post), ma si cammina anche d’estate: consigliato però partire senz’altro all’alba se non prima (alle dieci il caldo è già insopportabile) e calcolare almeno un litro e mezzo d’acqua a persona per un percorso di tre-quattro ore. Il Pagali hotel è aperto tutto l’anno e Langada è un ottimo punto sia per esplorare l’interno che per accedere alle spiagge della zona di Aegiali, distanti pochi chilometri (di spiagge e di tutte le informazioni base su come arrivare e spostarsi sull’isola ho scritto nel post precedente). […]

Reply
Ilaria agosto 11, 2014 - 11:57 pm

Che bella scoperta mi hai fatto fare! Amorgos dà l’impressione di un’isola aspra, in grado di conservare una bellezza autentica, incontaminata. Anche le ore di traghetto che la tengono meno alla portata del turismo di massa credo giochino il loro ruolo 🙂 Una curiosità, com’erano i paesini? Adoro lo stile cicladico e sono curiosa! (..gli dedicherai un post?).

Reply
patrick agosto 14, 2014 - 1:28 pm

I paesini sono fra i più belli che abbia visto nelle cicladi: Tholaria, Langada, Potamos, il capoluogo Chora sono uno più bello dell’altro. Ne scriverò o forse ne scriverà il blog ‘amico’ Persorsi 🙂

Reply
Cose da ricordare di un anno di viaggi – il 2014 | orizzonti dicembre 21, 2014 - 3:52 pm

[…] Doveva essere solo una vacanza al mare, ma c’è qualcosa di quest’isola poco frequentata e ancora selvaggia ai margini delle Cicladi che mi ha rapito. Non riesco a individuare un motivo preciso, uno solo. Come quando ci si innamora, non c’è un solo aspetto che ti fa perdere la testa. Le spiagge sono bellissime, spettacolari i panorami che si incontrano lungo i sentieri. I paesi sono ancora veri. L’abbiamo scalata fino ai suoi punti più alti e mi sono immerso nelle profondità del suo blu. E’ una serie di colori, suoni, emozioni che rendono quest’isola indimenticabile. E’ la mia isola del cuore ed è l’immagine che porto con me di questo 2014. Post: Il grande blu di Amorgos […]

Reply
Jenny giugno 23, 2015 - 1:10 pm

Io ci andrò a settembre! Volo su Mykonos e poi seajets diretto ad Amorgos. Al ritorno non c’è il diretto quindi passerò da Naxos per poi prendere il traghetto per Mykonos. Grazie per il tuo resoconto e per le foto bellissime! Ho sempre più voglia di andare!

Reply
patrick giugno 23, 2015 - 2:31 pm

Amorgos è un’isola dove ho lasciato il cuore: semplice, selvaggia, bellissima. Ti invidio molto perché quest’anno non riuscirò a tornarci. Anche Naxos, se ti fermi qualche giorno, è molto, molto bella..

Reply
Jenny luglio 16, 2015 - 2:10 pm

A Naxos sono stata una settimana due anni fa e mi è piaciuta moltissimo. Sempre a settembre, mi sono goduta le spiagge incontaminate , il rumore del mare e la pace della natura! Ancora non troppo turistica e commerciale è un incanto. L’anno scorso ho fatto Paros e Antiparos, stupende ma Paros l’ho trovata più commerciale rispetto Naxos o Alonissos, Samos e Karpathos che avevo visto gli anni precedenti! Quest’anno non vedo l’ora di arrivare ad Amorgos e abbinerò, come dicevi tu, le Piccole Cicladi. Che voglia di Grecia!!!!

Reply
patrickcolgan luglio 16, 2015 - 9:20 pm

Eh anche io ho tanta nostalgia! Ti invidio molto, Amorgos mi manca davvero tanto. Questa nostalgia proverò a curarla fra pochi giorni anche se in modo diverso… andrò ai monasteri del monte Athos per una settimana!

Reply
Un’estate a Naxos | Orizzonti giugno 29, 2015 - 8:36 am

[…] a chi vuole sfuggire le folle di turisti le Piccole cicladi o Folegandros, o ancora Amorgos, isole un po’ difficili da raggiungere. Io suggerisco un’altra destinazione, non troppo […]

Reply
Cinque isole della Grecia | Persorsi ottobre 7, 2015 - 4:59 pm

[…] Capitolo spiagge: secondo me la più bella è quella di Agios Pavlos, ma mi è piaciuta molto anche quella, al sud, di Kalokaritissa. Qui vicino, per altro, si può vedere il celebre relitto che ha ispirato il film di Luc Besson Le grand bleu. Per quanto riguarda i paesi, incantevole è il centro di Chora, il capoluogo nell’interno: si susseguono chiese, terrazze, pergolati e ristorantini perfetti per un aperitivo. Consiglio vivamente, però, di soggiornare a Aegiali, con graziosi localini animati la sera e il centro diving, o in uno dei paesini che sovrastano il secondo porto dell’isola (è una delle poche ad averne mantenuti due): Potamos, Langada e Tholaria. Sembrano usciti da un’altra epoca con le loro stradine, le scale bordate di bianco e pittoresche taverne. Non posso non nominarne una: Koreutes. Un po’ perché ci sono stata l’ultima sera, già carica di nostalgia. Un po’ perché, davanti alle lucine colorate che tremolavano sul mare, non capita tutti i giorni di ricevere una proposta di matrimonio. […]

Reply
Chiara aprile 30, 2016 - 12:08 am

Grazie per questo bellissimo e utilissimo post!Amorgos mi è rimasta qui , in pancia, quando 8 anni fa eravamo pronti per andarci e poi all’ultimo momento per vari motivi abbiamo dovuto virare su Milos (anch’essa molto molto bella).
Poi è arrivata mia figlia e dopo qualche anno mio figlio…insomma…rimandata sempre per qualche motivo.
L’anno prossimo però io e mio marito festeggeremo 10 anni di matrimonio e ci piacerebbe lasciare i bimbi ai nonni e andare finalmente ad Amorgos…il tuo post mi ha fatto sognare!!!!!!!!!!!!
Grazie ancora!

Reply
patrickcolgan maggio 1, 2016 - 10:12 am

E’ un’isola davvero speciale, sono sicuro che vi piacerà moltissimo! A disposizione per qualsiasi domanda!

Reply
federica luglio 14, 2016 - 10:28 pm

Sono adesso ad Amorgos: e’ veramente cosi: affascinante.

Reply
patrickcolgan luglio 19, 2016 - 3:22 pm

Sono felice che altri provino le stesse sensazioni in quell’isola stupenda. Buon viaggio!

Reply
Valerio Giallombardo maggio 21, 2019 - 3:22 pm

Ciao! ho letto che è impossibile spostarsi in motorino ad Amorgos. Dal 2014 ad oggi sono cambiate le strade? Magari adesso è possibile!

Reply
patrickcolgan maggio 21, 2019 - 4:54 pm

Ciao! Ti confermo che la situazione non è cambiata – amici e lettori ci sono stati e anche io tornerò quest’anno – anche perché non c’è altro posto dove far passare una strada. Come avrai letto nel post non è una questione di condizioni della strada, ma semplicemente per andare dal nord al sud dell’isola e viceversa c’è da attraversare un passo montano ad alta quota (oltre 600 metri), spesso immerso nelle nubi, con molti tornanti. Non è che sia impossibile, ma è estenuante, lungo e faticoso far quella strada in motorino. Se invece pensate di non muovervi dal nord o dal sud dell’isola allorahttps://orizzontiblog.it/wp-admin/edit-comments.php#comments-form può anche andare in motorino.

Reply

Lascia un commento

Consenso gdpr
Do il consenso affinché vengano salvati alcuni dati (nome, mail, sito, commento), al solo fine di tenere traccia dei commenti stessi. Per maggiori informazioni su gestione e conservazione dei dati personali, consulta la privacy policy.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: