Ghiacci e deserti (Laugavegur)

di patrickcolgan

Aggiornamento 2013: quello che è scritto qui è sempre valido, ma ho pubblicato un post più completo sul Laugavegur

Alftavatn

Alftavatn, prima o seconda tappa del trekking. Avete nelle gambe 12 o 24 chilometri? (foto di Patrick Colgan)

Prati verdi, deserti grigi, montagne rosse, ghiacciai bianchi, ghiacciai neri. E poi ancora colline nere, colline gialle, colline bianche. E ancora gole, cascate, laghi. E sorgenti sulfuree, campi di lava, immense distese di cenere, vulcani spenti che trasmettono una sottile inquietudine.

Quello che è incredibile, davvero incredibile,  dell’Islanda è la concentrazione in pochissimo spazio di così tanti colori, paesaggi, ecosistemi. La presenza dell’uomo è marginale. Una sola vera città lungo oltre mille chilometri di costa e tanti piccoli avamposti distanziati da decine di chilometri. Basta fare qualche passo  verso l’interno dell’isola e l’uomo sparisce quasi subito. La sua fuggevole presenza è ricordata solo da alcuni sterrati, quasi sempre deserti.

Sul popolare Laugavegur, il famoso e frequentatissimo trekking di tre-quattro giorni fra Landmannalaugar e Thorsmork, nel sud dell’Islanda, i paesaggi, i colori, sono schiacciati, ammassati, sembra stiano per implodere tanto sono vicini, stipati in tanto poco spazio. Li si incontra uno alla volta e tutti assieme lungo appena 55 chilometri di sentieri ripidi e sconnessi. E nonostante questo, ovunque si sente il senso dello spazio, del vuoto, forse perché ovunque incombono i cieli luminosi e immensi del nord.

Camminare è una sorpresa continua. E una fatica, sotto pioggia, vento e pure sole bruciante, neve a volte, camminando su cenere, sabbia, fango, ghiaccio sottile, guadando fiumi.  Faticoso soprattutto se siete soli e con la tenda sulle spalle (molto meno se dormite nei rifugi e camminate leggeri). Ma ne vale ampiamente la pena.

Se riesco a trovare le parole nei prossimi giorni ve lo racconto.

Ho fatto anche qualche foto.

Archivio: altri post di viaggi

Potrebbero interessarti

0 Commenti

Lungo i sentieri d’Islanda… « orizzonti agosto 4, 2010 - 1:27 am

[…] post sull’Islanda: Reykjavik e l’eclissi umana, Ghiacci e deserti (sul Laugavegur), Rientro dall’Islanda 0.000000 […]

Reply
Gusto e memoria « orizzonti gennaio 6, 2011 - 5:16 pm

[…] mia percezione fosse alterata dopo cinque giorni di trekking, pioggia, vento e gelo sullo splendido Laugavegur. Probabilmente lo […]

Reply

Lascia un commento

Consenso gdpr
Do il consenso affinché vengano salvati alcuni dati (nome, mail, sito, commento), al solo fine di tenere traccia dei commenti stessi. Per maggiori informazioni su gestione e conservazione dei dati personali, consulta la privacy policy.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: