Belfast: lungo gli ultimi muri d’Europa

di patrickcolgan

Con la guida davanti a un mural dedicato a Bobby Sands

Viaggio a Belfast

Data del viaggio: 2006

Si chiama ‘peace line’ e c’è una strana, tetra, ironia involontaria nel nome. Perché ricorda tutto fuorché la pace. Muri sormontati da reti, alti, fino a 8 metri e lunghi chilometri dividono le zone repubblicane da quelle protestanti. Per attraversarli ci sono solo piccoli cancelli sorvegliati dalla polizia, che di notte vengono chiusi a chiave. Da una parte e dall’altra ci sono ancora le grate alle finestre per proteggersi dai lanci di oggetti provenienti dall’altra parte del muro. Non si capisce se restino perché la paura non se ne va, perché ce n’è ancora bisogno o semplicemente per abitudine.

In realtà Belfast è così. In molti luoghi  il tempo sembra non passare mai anche se la voglia di voltare pagina, parlando con le persone, è palpabile. Non è più una città sotto occupazione militare e la violenza politica è in gran parte un ricordo, per quanto vivo nella mente di molte persone. Del resto sono ancora decine le persone in carcere. Ma i simboli della divisione sono tutti ben visibili. Il filo spinato continua ad apparire  dappertuto, nessuno lo toglie. Così come sui muri sgretolati si vedono ancora i cupi murales lealisti (alcuni dipinti di recente) pieni di tute mimetiche e armi in pugno. A uno sguardo veloce evocano la violenza molto più dei murales repubblicani, colorati, spirituali e utopici. A una seconda occhiata, più attenta, si nota  che anche i dipinti repubblicani evocano la guerra, ma da un’altra prospettiva, quella del martirio.

peaceline

la peace line

Rispetto a Dublino e al resto d’Irlanda, non sono tanti i viaggiatori e i turisti che visitano  Belfast, che è anche la porta d’ingresso alle struggenti bellezze naturali della costa nord. A Belfast molti si limitano a scattare qualche foto o a fare un paio di foto da un bus a due piani. Ma non si può provare a capire questa città osservandola solo come un museo a cielo aperto, un po’ macabro e pieno di dolore. I famosi murals (murales) sono solo una parte, la più visibile della storia della città. Perpetuano la memoria condivisa, ma non possono raccontare molto, da soli.

A piedi per Belfast con una guida

Se non si ha molto tempo o non si hanno le conoscenze giuste, l’occasione per parlare con qualcuno che ha vissuto in prima persona la travagliata storia dell’Irlanda del nord (e ascoltare così almeno una parte della verità) la offrono i ‘political tours’ di Coiste, associazione di ex prigionieri politici e attivisti che propongono visite a piedi di alcune ore nelle zone repubblicana e unionista della città.

La visita sembra non finire mai. A ogni angolo del quartiere repubblicano di Falls road, povero e depresso, ci sono buchi di proiettile, case, murals, piccoli altari venerati che evocano storie mai dimenticate e relativi fantasmi. In giro, specie nelle strade secondarie, non si vede quasi nessuno. E’ una visita cupa, piena di dolore e violenza che lascia scossi quando, dopo quattro ore di cammino, si arriva al cimitero di Milltown. Qui, in una grande tomba monumentale sono sepolti Bobby Sands e gli altri hunger strikers, i dieci prigionieri dell’Ira che nel 1981 morirono dopo uno sciopero della fame durato oltre due mesi. Tutt’attorno, le case di un quartiere protestante.

Per contattare coiste, il sito è www.coiste.com, email tours@coiste.com

Per saperne di più:

Belfast, gli ultimi muri d’europa

the five demands (blog)

I murals di Belfast

Belfast, una città che rinasce

Belfast murals, Sandy Row

murale lealista, Sandy Row

memorial

Il cimitero di Milltown

pubblicato in: viaggi, strade poco battute

 Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to Yahoo BuzzAdd to Newsvine

Potrebbero interessarti

7 Commenti

Sara marzo 13, 2010 - 12:13 pm

La ringrazio per aver menzionato il mio blog, tornerò sicuramente a far visita da queste parti 🙂

Reply
Peter marzo 17, 2010 - 4:42 pm

bello

Reply
West Banksy – Street art in Cisgiordania | orizzonti novembre 3, 2013 - 7:43 pm

[…] le case di Betlemme ha qualcosa di sbagliato, di terribile. Penso alla tetra ‘Peace line’ che taglia Belfast, che ho visto alcuni anni fa, più che al Muro di Berlino, che ho visto solo in televisione. E […]

Reply
Cose da ricordare di un anno di viaggi – il 2013 | orizzonti dicembre 26, 2013 - 2:51 pm

[…] posti esistono e i muri – qualsiasi sia la ragione che porta a costruirli – qui come a Belfast mi provocano ansia, angoscia, mancanza di aria. Ne ho scritto cercando di non  entrare nel […]

Reply
Sogni di viaggio per il 2015 | orizzonti dicembre 29, 2014 - 11:58 am

[…] un po’ in tutto quel verde e quell’azzurro. Chissà se ci riuscirò nel 2015. Link: lungo gli ultimi muri d’Europa (l’unico post dall’ultimo […]

Reply
Through a lens: West Belfast | TripVillage gennaio 21, 2015 - 12:57 pm

[…] alla scoperta dei murales, raccontandovi la loro storia. Vi consiglio la lettura del post di Patrick che racconta l’esperienza della sua […]

Reply
In Cisgiordania lungo il muro - Orizzonti gennaio 21, 2017 - 2:14 pm

[…] alla tetra ‘Peace line’ che taglia Belfast e che ho visto alcuni anni fa, più che al Muro di Berlino, che ho visto solo in televisione. E […]

Reply

Lascia un commento

Consenso gdpr
Do il consenso affinché vengano salvati alcuni dati (nome, mail, sito, commento), al solo fine di tenere traccia dei commenti stessi. Per maggiori informazioni su gestione e conservazione dei dati personali, consulta la privacy policy.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: