copiare/to cheat

di patrickcolgan

“Di un compito in classe, di un esame, da noi si dice “copiare“, un verbo fattuale come non pochi, privo di connotazioni morali. In America si usa un verbo più generico “cheating“, imbrogliare, dotato di ovvia e potente carica negativa

(da Giornalismo d’altri – primo non copiare)

Sono assolutamente d’accordo con Mario Tedeschini Lalli. Nelle parole che in una cultura si usano per definire le cose (o nella vera e propria esistenza di parole per definirle) si celano indizi davvero rivelatori. Come si può sviluppare un’etica personale forte quando per tutta la vita siamo stati abituati a considerare cose come ‘copiare’ o, meglio, imbrogliare come un fatto normale, strutturale? Come ci si sente, quali scelte si devono compiere quando all’università ci si trova in un esame, per così dire, collaborativo (in cui tutti copiano e si consultano)?

Si entra nel gruppo e si prende un 30? O si va avanti per la propria strada e si prende magari un onesto 27 o 28? E se io prendo un 28 come devo sentirmi, come posso avere fiducia nel sistema?

E perché mai simili metodi non dovrebbero poi essere portati, trasferiti in altri ambiti e percepiti come normali?

vedi anche: familismo amorale

ps come curioso effetto collaterale ora ricevo numerose visite da chi cerca ‘come copiare a un compito in classe’ o ‘come copiare esame’. Auguri.

Potrebbero interessarti

0 Commenti

Frankie-Yu dicembre 8, 2006 - 9:37 pm

Verissimo. Nel nostro Paese questo tipo di mentalità è talmente strutturato che chi copia non prova alcuna vergogna ad ammetterlo, anzi. Molto spesso ci dà maggior soddisfazione spiattellare a tutti che abbiamo copiato tanto abilmente da non essere stati scoperti, piuttosto che raccontare di aver superato regolarmente la prova. Forse è giusto per questa mentalità che siamo diventati il Paese dei furbetti in ogni ambito e settore e il nostro italian way di risolvere le cosee è famoso i tutto il mondo.
Per la questione degli esami collaborativi, non so che dire. Ho studiato architettura e in questo ambito la collaborazione è spesso fondamentale per la riuscita di un progetto. Erano gli setssi pessori ad imporci la progettazione di gruppo, naturalmente solo per gli esami compositivi. Confrontarsi, cooperare e dialogare è, in questa sttore, quasi indispensabile. Anche in ambito professionale un architetto difficilmente lavora solo.

Reply
patrickcolgan dicembre 9, 2006 - 12:58 am

certo ma io mi riferivo più semplicemente a quelli con ‘scopiazzatura libera’ 😉
il confronto e il lavoro di gruppo, le ricerche a quattro o sei mani sono state importantissime anche per me.

Reply

Lascia un commento

Consenso gdpr
Do il consenso affinché vengano salvati alcuni dati (nome, mail, sito, commento), al solo fine di tenere traccia dei commenti stessi. Per maggiori informazioni su gestione e conservazione dei dati personali, consulta la privacy policy.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: