Skip to content

Posts from the ‘da solo’ Category

Un viaggio vintage, il tempo dell’Interrail

Un post personale, seguendo l’hashtag #UnViaggioVintage. Gli anni dell’Interrail e la scoperta del viaggio in solitaria. Perché è bellissimo in due, specie quando è con una persona importante. Ma viaggiare soli è un’esperienza a sé, completamente diversa.

Read more

Fra le onde di Jaipur

Nuotare nella folla delle celebrazioni per la Muharram in India. E perché fidarsi degli altri.
Read more

Poche parole possono aprire mille porte

family

Famiglia nello Shekawhati, India (foto di Patrick Colgan)

‘Tottemo samui desu ne?’

(Freddo, non è vero? in giapponese)

Basta poco, alle volte un semplice commento sul tempo, per avvicinare due persone. Ironicamente, un commento sul freddo pungente può rompere il ghiaccio. Basta pronunciarlo nella lingua del Paese in cui si sta viaggiando per abbattere in un secondo pregiudizi e diffidenze, per mostrare che non sei il solito turista che pretende di imporre al Paese che visita, con una sorta di arroganza culturale la sua lingua, il suo stile di vita, i suoi pregiudizi. Questo significa visitare un Paese per vedere e basta. Io preferisco, incontrare, conoscere, imparare.

E’ un consiglio che può apparire banale, come è scontato per molti evitare del tutto questo scoglio, che può apparire (spesso a torto) insormontabile. Quando prepari un viaggio in solitaria in un Paese fai un piccolo sforzo che ti ripagherà immensamente: fai un tentativo di imparare qualche parola, qualche frase nella lingua del posto, anche se sai già che si parlerà inglese, o francese o un’altra lingua che conosci. Basta davvero poco. Read more

Giappone, cinque miti da sfatare

Giappone: miti da sfatare e prime impressioni sul Paese del Sol Levante
Read more